• RSU is advertising for shoulder fellowship to start in August-September 2019 and begining of 2020
    a post-CCT shoulder fellowship for Two years. please send CV to Prof. Levy's PA Charlotte Bourne and arrange a visit to meet Prof Levy and Mr Sforza. [Read more]
  • For Patients, GPs & Physiotherapies - New!!! NHS Choose & Book
    The Unit at Berkshire Independent Hospital is open for NHS patients through Choose & Book (Extended Choice Network).
    Book online
    or contact the secretaries. [Read more]
  • Excellent clinical results over more than 13 years with the Verso rTSA.
    Very high patient satisfaction and return to full activities including sports. [Read more]
  • The least complications with the Verso shoulder compared with other reverse shoulder systems
    From the Royal National Orthopaedic Hospital, Birmingham, UK
    S. Robati, M.K. Shahid, J. Allport, A. Ray and G. Sforza
    Bone & Joint Journal 2013, Vol. 95-B Supp. 25-27

    Complication Rates From Three Commonly Used Reverse Polarity Total Shoulder Replacements: A Minimum Two Year Follow-Up Of 64 Cases
     
  • Excellent results with the Verso TSA were published in Italy! 
    A group of oorthopaedic surgeons from northern Italy from Piacenza and Verona published their first few years experience with the stemless reverse TSA - The VERSO. 
    They present Excellent clinical and radiologic results that mirror the results of the designing centre!
    (Read more) [Read more]
  • Applications for the Reading shoulder fellowship
    starting in late 2019 and for 2020
    is now open.
    Please apply by visiting the Unit and sending your CV to Jan Barker
    Visits to the Reading shoulder unit are welcome - Please liaise with Prof. Levy's PA Charlotte Bourne
    [Read more]
  • IDO Isometer Shoulder Muscle Strength Gauge.

    Available to buy online in idorth.com - Innovative Design Orthopaedics - [Read more]
  • Groundbreaking research from the Reading Shoulder Unit by Prof. Ofer Levy and his team regarding Propionibacterium Acnes and shoulder arthritis. 
    Propionibacterium acnes: an underestimated etiology in the pathogenesis of osteoarthritis?

    This is a very important article in that it suggests the presence of propionibacterium in previously unoperated shoulders with arthritis and furthermore that 'aseptic' failures of shoulder arthroplasty may, in fact, be related to indolent infections with this slow growing organism.
    Read comments by Dr Frederick A. Matsen III, M.D.
    [Read more]
  • Listen to the BBC Radio4 programme - a day in the operating theatre at the Reading Shoulder Unit at the Royal Berkshire Hospital - Case Notes with Dr Mark Porter on Regional anaesthesia for shoulder surgery [Read more]
  • Art at the Reading Shoulder and Elbow Centre
    Original fine art prints all dealing with human body in different situations by four artists are exhibited in the Reading Shoulder and Elbow centre 

    The prints on display are available to buy, with the artist contributing a donation to research. For more information please contact the secretaries in the unit.

    [Read more]
  • The Verso stemless rTSA is approved in Australia & New Zealand by the TGA.
    and it was launched and in increase use in Australia. 

Fratture di gomito
Le fratture del gomito possono interessare diverse strutture.
In ordine di frequenza esse sono:
 
Fratture del capitello radiale
Sono fratture che coinvolgono il capitello e/o il collo del radio ed avvengono solitamente per una caduta sul palmo della mano atteggiata a difesa con il gomito in leggera flessione. Come tutte le fratture possono essere composte, scomposte, pluriframmentarie od associate a lussazione. Il trattamento in quelle composte è di tipo conservativo con immobilizzazione di 2 settimane seguita da precoce riabilitazione, mentre negli altri casi il trattamento è chirurgico va dall’osteosintesi alla sostituzione protesica del capitello in base al grado di scomposizione ed alla possibilità di ricostruzione della frattura, mentre nei casi associati a lussazione con grave lesione ligamentosa e quindi ad instabilità secondaria del gomito, è necessaria la ricostruzione dei legamenti lesionati e spesso si e' costretti ad utilizzare un fissatore esterno. Le complicanze più temibili sono la rigidità e la formazione di tessuto osseo nei muscoli circostanti l'articolazione (ossificazioni eterotopiche), altre sono l’artrosi post-traumatica, l’instabilità cronica, l’infezione, la pseudoartrosi ed i danni neurovascolari.
 
Fratture dell’olecrano
In genere sono causate da una caduta sul palmo della mano con il gomito in iperestensione oppure da trauma diretto sulla regione posteriore del gomito. Esse possono essere composte (80-85%) o scomposte ed instabili. Nelle prime il trattamento è conservativo con immobilizzazione (2/3 settimane) e precoce riabilitazione, nelle seconde è chirurgico con osteosintesi della frattura e riparazione di eventuali strutture capsulo-legamentose danneggiate. Le complicanze sono le stesse delle fratture del capitello radiale.
 
Fratture dell’estremità dell’omero
Causate da un trauma diretto oppure da una caduta sul palmo della mano atteggiata a difesa e possono essere extra-capsulari ed extra-articolari come le  fratture dell’epicondilo e dell’epitroclea,  intracapsulari ed extra articolari come  le sovracondiloidee ed intracapsulari ed intra articolari che sono quelle più complesse. Il trattamento delle prime è spesso conservativo, nelle altre è chirurgico con osteosintesi della frattura e trattamento di eventuali lesioni capsulo-legamentose associate. Le complicanze sono quelle delle altre fratture di gomito ma in questa tipologia è da aggiungere la frequente possibilità di irritazione del nervo ulnare con addormentamenti e formicolii a carico del mignolo e dell’anulare e la maggiore incidenza di rigidita' a causa dell'estensione intrarticolare della frattura.

Fratture della coronoide
La coronoide è una sporgenza ossea localizzata anteriormente nell’estremità superiore dell’ulna ed è un importante stabilizzatore del gomito. Su questo processo si inserisce il legamento collaterale mediale. Le fratture isolate della coronoide sono rare; più spesso si verificano in concomitanza di altre lesioni del gomito quali le lussazioni ed avvengono solitamente per una caduta sul palmo della mano atteggiata a difesa. Possono variare dalla semplice frattura dell’apice della coronoide, fino alle fratture complesse, associate ad altri capi ossei, con lesione o meno del legamento collaterale mediale (stabilizzatore del gomito). Il trattamento è conservativo in quelle composte e chirurgico con osteosintesi in quelle scomposte. Alle solite complicanze possibili, se ne aggiunge una tipica: il dolore ai massimi gradi di flessione del gomito dovuto frequentemente ad un urto della coronoide contro l’omero e legato ad una non perfetta posizione dei frammenti consolidati. Alle volte, raramente, questo dolore può essere correlato alla mancata guarigione del frammento osseo, ossia la pseudoartrosi della coronoide.